Vuoi inserire un evento, una news, promuovere la tua attività o il tuo circolo ippico? leggi la GUIDA e scopri come si fa!
Equitazione e dintorni

Published on luglio 2nd, 2012 | by Equitazione.net

0

Discipline non olimpiche

ATTACCHI

Nella disciplina degli Attacchi non si monta a cavallo, ma si guida una carrozza “attaccata” ad un cavallo (in gergo singolo), oppure ad una pariglia o ancora ad un tiro a quattro. Sono previsti due tipi di gare: una di completo ed una di combinata. Il completo prevede tre prove (dressage, maratona e coni); la prima, quella di dressage, si svolge all’interno di un rettangolo ed ha la finalità di evidenziare il livello di addestramento dell’attacco; la se onda, la maratona, è invece una sorta di rally in campagna che prevede un tempo limite dove si devono aggirare ostacoli posizionati lungo un percorso che presenta difficoltà anche naturali come laghetti; l’ultima prova, quella dei coni, è invece uno slalom a tempo tra venti ostacoli costituiti da coppie di tronchi di cono sormontati da una pallina che non deve cadere al passaggio degli attacchi.Nelle gare di combinata le prove sono invece due (dressage e coni). In entrambe la classifica finale scaturisce dalla somma dei punti negativi acquisiti nelle varie prove. ENDURANCE L’Endurance, detto anche Fondo Equestre, si svolge in aperta campagna lungo tracciati che possono andare dai 30 chilometri delle categorie di avviamento, ai 160 delle prove pi๠impegnative. Si tratta di una disciplina molto impegnativa, una sorta di maratona a cavallo, che trae origine dalle sfide tra i pony express del far west che avvenivano sulle 100 miglia (cioè 160 km.) ed ha lo scopo di evidenziare la velocità e la resistenza dei cavalli allo sforzo prolungato. Grande attenzione viene perಠdata alla salvaguardia del cavallo. Tutte le categorie prevedono infatti dei controlli veterinari molto severi che avvengono prima, durante ed anche dopo la gara. Anche per questo nell’endurance non conta tagliare per primi il traguardo, quanto farlo con il cavallo in perfette condizioni. VOLTEGGIO Il Volteggio è una sorta di ginnastica acrobatica eseguita da uno o più volteggiatori su un cavallo in movimento.Il cavallo viene bardato con un “fascione” al posto della sella e girato alla corda da un “longeur” a terra che garantisce il movimento costante dell’animale. L’esecuzione degli esercizi viene valutata da un’apposita giuria e sono previste sia gare individuali che a squadre, entrambe articolate su una prova obbligatoria ed una prova libera. Diversamente dalle altre discipline equestri, nel corso della prestazione, i volteggiatori possono lavorare contemporaneamente fino a tre insieme o alternandosi individualmente. E’ una disciplina molto dinamica che richiede l’esecuzione di figure complesse in tempi molto ridotti in armonia con il cavallo, la cui successione deve avvenire nel modo più fluido ed originale possibile, utilizzando al massimo la propria creatività motoria. L’utilizzo della musica come sottofondo alle esibizioni, inoltre, enfatizza e mette in risalto l’espressività del volteggiatore, aspetto che può avvantaggiare o penalizzare la performance (più si è espressivi e in accordo con la musica e meglio si viene valutati.) Tra le figure più semplici da eseguire ci sono: la Bandiera, l’Ago e l’In piedi. Tra le più complesse invece: la verticale, la rondata , i salti, i salti giri e i flic flac. Oltre all’agonismo, il Volteggio riveste un ruolo molto importante per l’approccio dei giovanissimi al cavallo e, anche per questo, è considerato infatti propedeutico a tutte le altre discipline equestri. E’ oltremodo significativo e rilevante il suo utilizzo in qualità di supporto riabilitativo.


Questo articolo è stato letto 2059 volte.


Autore dell'articolo

Equitazione.net



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑