Vuoi inserire un evento, una news, promuovere la tua attività o il tuo circolo ippico? leggi la GUIDA e scopri come si fa!
Equitazione e dintorni

Published on luglio 2nd, 2012 | by Equitazione.net

0

Discipline western

Le discipline agonistiche:

PERFORMANCE: nella categoria cd. di “Performance” troviamo tutte le discipline di scuola dell’equitazione americana, vediamole assieme: Halter: (morfologia): nella gara di morfologia viene valutata dal giudice la corretta struttura, la muscolatura e le caratteristiche del cavallo secondo i dettami previsti dalle rispettive associazioni di razza. Il cavallo viene presentato prima al passo, poi al trotto e infine viene piazzato in modo che il giudice possa valutarne gli appiombi. Nella classe di morfologia i cavalli vengono divisi per età e sesso. Le classi di morfologia, inoltre vengono divise in classi “youth” ( inferiori ai 18 anni) “amateur” e “open” e a seconda che l’esibitore sia uno youth, un non professionista o un professionista. Il cavallo deve essere presentato in arena perfettamente tolettato; il pelo deve essere corto, le unghie devono essere pareggiate e lucidate con un apposito unguento nero in modo da far risaltare il piede rispetto all’arto, la criniera deve essere ben curata e non deve superare i 5 – 10 cm per dar modo al giudice di valutare la struttura del collo. Il cavallo viene esibito con una capezza da show e con una longhina di 30 cm. Che gli permetta di muoversi con scioltezza. Il presentatore, sia che sia non professionista sia che sia professionista deve avere un look preciso: giacca, cravatta, stivali, cappello e cintura devono essere in perfetto stile western. Showmanship at Halter: gara riservata ai cavalieri Amateur (non professionisti) e Youth ( di età inferiore ai 18 anni ) : in questa gara viene valutato il presentatore del cavallo più che il cavallo. Il cavallo viene esibito alla longhina e il suo presentatore deve condurlo in una serie di movimenti su un percorso che il giudice sceglie poco prima dell’inizio della gara. Il giudice valuta l’armonia e la collaborazione tra il presentatore ed il suo cavallo nel compiere il percorso. Le manovre che solitamente vengono incluse nel percorso sono: il passo, il trotto, la volta a 180° ( che viene eseguita verso destra e richiede che il cavallo si allontani mentre il presentatore si muove verso la sua spalla per eseguire la volta ) , la volta a 360° che viene fatta eseguire dal cavallo facendo perno sul posteriore destro , il Back ( o indietreggiare) che deve avvenire in linea retta per quattro passi cui deve seguire lo stop dove il cavallo deve trovarsi piazzato. Western Horsemanship: in questa gara il cavaliere monta il suo cavallo in stile western. Anche questa gara è riservata agli Amateur, agli Youth e ai Novice ( i Novice sono i cavalieri “debuttanti” ( nelle gare western chi inizia a fare le gare e non è un professionista può partecipare alle gare Novice e Amateur ; il novice dopo aver riportato un certo punteggio come cavaliere può gareggiare solo come amateur ). Il giudice in questa gara giudica l’assetto del cavaliere, la posizione delle mani, il controllo e la presentazione del cavallo nell’esecuzione dei vari esercizi richiesti. Tra gli esercizi richiesti, di solito in spazi ridotti e nel rispetto di precisi marker sono: passo, trotto, galoppo, cambio di andature, volte sugli arti anteriori ( pivot), volte sugli arti posteriori, spin, galoppo rovescio, cambio di galoppo, stop e back. La gara si compone di una prova individuale, dove viene richiesto al cavaliere di eseguire un certo numero di manovre, ed una prova collettiva dove tutti i partecipanti dopo essersi divisi sul perimetro dell’arena devono esibirsi alle tre andature. L’obiettivo del giudice è quello di valutare l’abilità del cavaliere a montare a cavallo. Western Pleasure: in questa gara viene valutato il cavallo che viene montato ed esibito alle tre andature dal cavaliere lungo il perimetro dell’arena di gara. Il giudice valuta le andature del cavallo da Pleasure che devono essere elastiche e confortevoli. In questa gara vi sono sia classi amateur, youth e novice sia classi open. Trail Horse: in questa gara cavallo e cavaliere devono destreggiarsi in un percorso ad ostacoli ( cancello da aprire, attraversare e chiudere stando a cavallo, ponte da superare, barriere a terra disposte nel più svariato modo da superare al trotto e al galoppo, da passare in passo laterale ( side pass) sia indietreggiando in linea retta o a L , percorso su birilli ( marker ), slikers, quadrato di barriere, scendere da cavallo lasciando il cavallo fermo con le redini a terra etc. Questa gara vede il cavallo affrontare ogni singolo ostacolo dimostrando di pensare a quello che sta facendo; deve infatti muoversi lentamente misurando i passi per non commettere errori tra i pali . La valutazione finale del giudice tiene conto dello stile del cavallo e della fluidità e naturalezza dei movimenti nell’affrontare il percorso. Anche in questa specialità vi sono classi novice, youth, amateur e open. Sono previste anche gare junior ovvero riservate a cavalli entro i 6 anni di età. Western Riding: in questa gara viene giudicata l’abilità del cavallo a cambiare galoppo. Nel pattern di gara sono previsti numerosi punti in cui il cavallo deve effettuare un cambio di galoppo che deve avvenire in modo naturale e mantenendo sempre la stessa cadenza dall’inizio alla fine. Il binomio viene giudicato in base alla preparazione del cavaliere ed alle qualità del cavallo quali appunto la regolarità dell’andatura, la naturalezza nel cambio del galoppo, la prontezza nella risposta dei comandi, l’addestramento e la volontà. Walk and Trot: è una gara riservata ai bambini di età inferiore ai dodici anni; i bambini devono esibirsi a cavallo al passo e al trotto in perfetto stile western lungo il perimetro dell’arena di gara alle due mani. Sempre presente lo stop e il back finale. Hunt Seat Equitation: in questa gara i cavalli vengono montati all’inglese. Viene valutata la capacità del cavaliere nell’esibirsi nella monta all’inglese, nell’eseguire una serie di esercizi la cui sequenza viene stabilita dal giudice. L’Hunt Seat Equitation riproduce i tradizionali dettami della monta inglese. Questa gara si compone di una prova individuale svolta su percorso e di una prova collettiva alle tre andature lungo il perimetro dell’arena di gara. Possono partecipare solo cavalieri novice, youth e amateur. Hunter Under Saddle: in questa gara, vengono valutate le andature del cavallo montato all’inglese. I binomi devono esibirsi tutti assieme lungo il perimetro dell’arena di gara alle due mani e alle tre andature. Immancabile lo stop e il back . Hunter Hack: in questa disciplina all’inglese viene richiesto ai binomi di superare due ostacoli di altezza variabile fra i 60 e gli 80 cm. Gli ostacoli sono posti a meno di 10,5 metri l’uno dall’altro. Il giudice deve valutare in particolare la tranquillità del cavallo, il gesto, lo slancio, l’avvicinamento agli ostacoli e il controllo dell’impeto che il cavallo ha dopo il superamento dell’ostacolo.

Discipline di specialità:

Reining: in questa specialità, ( l’unica riconosciuta dalla F.E.I. per ora ) al cavallo vengono richiesti movimenti alquanto complessi e da eseguirsi in sequenze predefinite da “pattern” di gara. I movimenti obbligatori che sono presenti nei pattern sono: cerchi al galoppo veloci e lenti; cambi di galoppo; spin ( il cavallo deve girare sul posto velocemente facendo perno su un posteriore ed effettuare il numero esatto di spin previsto dal pattern ) Sliding-stop ( al cavallo lanciato al galoppo viene impartito l’alt e questo immediatamente blocca i posteriori scivolando con gli stessi mentre gli anteriori continuano a muoversi ) Roll-back ( dopo lo sliding stop al cavallo viene chiesto di invertire repentinamente la direzione partendo senza soluzione di continuità al galoppo) Back ( il cavallo alla fine del pattern deve eseguire il back velocemente e in linea retta) Il giudice deve valutare manovra per manovra in maniera molto rigorosa. Viene valutata la precisione del movimento e viene penalizzato ogni intervento che il cavaliere fa sul suo cavallo per correggerlo. Cutting: in questa disciplina western il cavallo deve mostrare al giudice il suo innato “cow sense”. In arena è presente una mandria di vitelli, il binomio concorrente e 4 aiutanti ( cd. Tourn-back ) Il concorrente entra nella mandria lentamente senza esitazione e procede al “taglio” della stessa . A questo punto il cavaliere sceglie un solo vitello e lo indica al suo cavallo. Inizia quindi la parte spettacolare della gara dove il cavaliere si annulla e lascia che sia solo il cavallo a lavorare. Il cavallo deve evitare , spesso con delle vere e proprie acrobazie, che il vitello rientri nella mandria anticipando ogni movimento o scarto del vitello guardandolo negli occhi. Per fare ciò assume un atteggiamento particolare: piega infatti i posteriori fino ad appoggiare i garretti per riuscire a sfruttare tutta la potenza muscolare e abbassa e apre gli anteriori piegandoli ad angolo acuto sul terreno. Il cavaliere ha a disposizione 2 minuti e trenta secondi per dimostrare l’abilità del suo cavallo in arena. Barrel Racing: è una gara a tempo intorno a tre barili posizionati a triangolo. La rotazione che il binomio deve effettuare intorno al barile è di 360°. Un concorrente per portare a termine la gara impiega circa 19 secondi. Il barile può essere toccato ma non abbattuto. In caso di abbattimento verrà inflitta una penalità di 5 secondi. Pole Bending: il tracciato del pole bending prevede un percorso a slalom in mezzo a sei paletti disposti in linea retta a una distanza di 6,40 m l’uno dall’altro. Il concorrente deve compiere due volte lo slalom tra i paletti con due volte a 360° sul paletti finali per poi lanciarsi verso la linea di arrivo sempre al galoppo dove verrà fermato il tempo. Non è ammesso l’uso di speroni e frustino. Si pagano 5″ di penalità per ogni paletto abbattuto e in caso di perdita del cappello. Team Penning: nel tempo massimo di 2 minuti un team formato da 3 binomi deve far uscire dalla mandria e rinchiudere in un piccolo recinto tre capi di bestiame precedentemente assegnati a sorteggio da parte di un giudice. Vince chi impiega il tempo minore a completare la prova. Il numero ottimale di bestiame è di trenta capi. Tutti i capi di bestiame devono essere raggruppati per tre e ci devono essere un gruppo di tre manzi per ogni team iscritto.


Questo articolo è stato letto 16128 volte.


Autore dell'articolo

Equitazione.net



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑