Vuoi inserire un evento, una news, promuovere la tua attività o il tuo circolo ippico? leggi la GUIDA e scopri come si fa!
Equitazione e dintorni

Published on luglio 2nd, 2012 | by Equitazione.net

0

Il gioco nei puledri

Per il cavallo, così come per molti altri animali, uomo compreso, il gioco sicuramente ha importanza fondamentale nello sviluppo comportamentale oltre che nello sviluppo delle abilità fisiche. Attraverso il gioco, viene sempre più sviluppato e migliorato l’etogramma individuale e sociale della specie. Nelle varie specie, il gioco appare costituito da modificazione di moduli comportamentali, originariamente nati per favorire la sopravvivenza dell’individuo e quindi della specie (ad esempio, dinamiche locomotorie, di leadership e riproduttive). In ogni specie, il gioco si contraddistingue dai comportamenti “seri”, grazie a posture, espressioni e comportamenti che denotano una minore intenzionalità di serietà (Schilder et al, 1984). Così come in altre specie sociali, Il gioco nei puledri può essere solitario o di gruppo. Puledri con poche ore di vita già esprimono movimenti di gioco solitario come piccole corse in circolo, sgroppate, calci in aria. Simili attività dei puledri neonati, sono state osservate anche nei cavalli selvatici di Przewalski (Dobroruka, 1961). In questi casi il gioco può durare da pochi secondi ad alcuni minuti, prima che il puledro ritorni tranquillo. Nei confronti della madre il puledro esibisce comportamenti di gioco a volte molto esuberanti e rudi, che tendenzialmente si riducono al crescere del puledro. Quando il puledro si tranquillizza la madre gli concede attenzione premiandolo con un leggero grooming (Tyler, 1969; Crowell-Davis et al., 1987). Generalmente, intorno alle tre-quattro settimane di età, i puledri iniziano a giocare tra loro. Iniziano approcciando tra loro con annusamenti e mordicchiamenti, per poi dar vita insieme a corse sfrenate, con sgroppate, impennate e calci in aria. I maschi sembrano giocare maggiormente rispetto alle femmine e dimostrano una maggiore durezza nel gioco (Carson and Wood-Gush, 1983). Tyler (1969) registrò il comportamento di gioco di monta nei puledri maschi ogni cinque ore circa, mentre per le femmine passavano circa trentasette ore. Nel gioco sociale tra puledri, le sequenze comportamentali normali nei contesti relazionali tra adulti, vengono modificate, interrotte, esagerate e diventano distintive proprio dei comportamenti di gioco. Il gioco e l’interazione sociale tra puledri e tra puledri e adulti, ritorna sicuramente utile nella relazione tra uomo e cavallo. Ad esempio, si è osservato che puledri cresciuti in gruppo fino ai due anni di età, rispetto a puledri vissuti da soli, sempre fino ai due anni di età, sottoposti a sessioni di training, esibivano minori comportamenti aggressivi e risultavano più collaborativi nei confronti dell’uomo (Søndergaard and Ladewig, 2004). Troppo spesso si dimentica che il cavallo è un animale sociale, per un corretto ed equilibrato sviluppo fisico e comportamentale necessita di un ambiente ricco di stimoli, ma soprattutto necessita della possibilità di interagire con i suoi simili. Solo favorendo una vita sociale quanto più naturale possibile ed entrando in empatia con il giovane cavallo, che si è gia formato correttamente grazie all’interazione con i suoi simili, potremo instaurare una comunicazione ed educazione più fluida e naturale.


Questo articolo è stato letto 495 volte.


Autore dell'articolo

Equitazione.net



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑